Archibio.com - La rivista online del vivere sano
cerca nel sito di Archibio.com

Archibio.com - La rivista online dedicata al vivere sano
 
archibio.com
Alimentazione
Salute e benessere
Vacanze e vivere sano
Turismo ecologico
Ambiente
Bioarchitettura
Casa ecologica
Energie Rinnovabili



inserzionisti

inserzionisti di Archibio
Consulta l'elenco completo e aggiornato delle Aziende inserzioniste su Archibio.com .

Diventa inserzionista di Archibio.com, acquista spazi e servizi pubblicitari sulle pagine della rivista on line del vivere sano

Newsletter

Archibio Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Archibio.com per rimanere sempre aggiornato sulle novità editoriali del sito.

Sei un utente già registrato?
Inserisci
nome utente

password

per modificare le tue preferenze
Hai dimenticato i tuoi dati di accesso?

diventa autore

diventa autore di Archibio.com

Sei un esperto di uno degli argomenti relativi al vivere sano trattati su Archibio.com?
Contatta la redazione e diventa autore, entrerai così a far parte del nostro network.


gli autori di archibio.com

L'elenco completo e aggiornato degli Autori aderenti ad Archibio.com




Ecoturismo

Autore
Categoria Vacanze ecologiche

Il dibattito sulla qualità oggi si estende ai vari aspetti dell'abitare e del tempo libero; si comincia sempre più concretamente a parlare di rivalorizzazione del paesaggio e non solo dei luoghi da sempre riconosciuti da salvaguardare quali mete turistiche eccellenti. Sta entrando in gioco un concetto più globale di paesaggio che si radica sulla volontà di ridare identità, immagine anche ad angoli di territorio che hanno subito interventi pesanti di urbanizzazione e omologazione, luoghi che sembrano esistere perché lo indica un cartello stradale, ma che a volte racchiudono un castello, un'abbazia romanica, un giardino botanico o semplicemente scorci naturali di inaspettata bellezza.

L'idea, la tendenza di riscoprire angoli caratteristici, di riconsiderare il tempo da dedicare alla vacanza, alla gita fuori e dentro le mura, la voglia di riscoprire gli odori e i sapori, si sta concretizzando in una domanda di turismo alternativo che unisce ad una nuova sensibilità nei confronti dell'ambiente, la voglia della scoperta, il piacere di ritrovare il gusto della varietà e della identità culturale, artistica, gastronomica. Si stanno a proposito delineando una serie di iniziative, di incentivi sia a livello nazionale sia europeo che, privilegiando la qualità turistica, indicano parametri per individuare, promuovere, sostenere proposte di qualità ecologica.

All'8° Europa Symposium, che ha visto coinvolte alcune tra le regioni d'Europa più attente a conciliare sviluppo e ambiente, nei diversi workshop ha trovato spazio il tema del turismo e mobilità come prospettiva, risorsa e concreta opportunità di riqualificazione del territorio. Sono stati presentati casi come il turismo eco-compatibile del delta del Po, il modello di San Leo come concetto dell'albergo diffuso, proposti progetti per il recupero di edifici storici ad uso turistico e costruzione di strutture balneari ecosostenibili. Del vasto dibattito viene proposta una sintesi dell'intervento dell'arch. Dea Biondi in merito al tema dell'abusivismo edilizio; la gestione delle violazioni di aree d'importanza ambientale e culturale assume un ruolo centrale nella promozione ecoturistica.

Da un intervento su TURISMO ECOLOGIA ARCHITETTURA in occasione dell'8° SYMPOSIUM EUROPEO A BOLOGNA

"Vorrei proporre una riflessione partendo dalla recente vicenda del Fuenti. La demolizione del mostro di Vietri é stata incoraggiata da più parti qualificate e politicamente propagandata quale pena esemplare per chi continua a fare scempio del paesaggio, atto iniziale di una scelta politica rigida, nella quale non si può consentire alcuna violazione delle politiche ambientalistiche. Inevitabilmente il pensiero va ai chilometri e chilometri di costa dove tanti piccoli 'Fuenti' perfettamente regolari, non osteggiati, senza particolari storie di abuso, continuano a fare mostra di se'. Dai lidi nord ai lidi sud della nostra costa Adriatico-Romagnola, da Comacchio a Cattolica, non entreranno in azione le ruspe dei comuni, né tantomeno quelle di Stato a ridare dignità di luogo all'ambiente per sempre deturpato, comunque trasformato.

Tutti noi, bioarchitetti, operatori del territorio, cittadini, dobbiamo fare i conti con questa trasformazione. E' meglio abbattere, cancellare, cercare di ricucire ferite insanabili o accettare, indurre la trasformazione, agevolare l'azione della natura e riscoprire il terribile degli eventi naturali? Immaginiamo il Fuenti divorato dal verde, quelle 250 stanze poste una attaccata all'altra su sette piani, dalle quali nessuno si è mai affacciato, quei 2000 mq. tante piccole grotte, il cemento armato degradato, invaso dalla macchia mediterranea. La costa, la vegetazione, il mare che si riappropriano di ciò che da secoli appartiene loro. L'uomo, invece, dopo aver cercato di addomesticare la natura, volgendo gli eventi al suo volere, crede di saper ricostruire imitando la natura dopo averla impoverita.

Quali, allora, le modalità di intervento, quali le strategie per la ricostruzione? Basteranno i grandi esempi di demolizione a fermare gli abusi sul territorio e a migliorarne la qualità? Questi alcuni dati in merito all'abuso edilizio: costruzioni abusive dal 1992 al 1997: 970.000. Nello stesso periodo sono stati regolarmente costruiti 3.900.000 immobili; Negli ultimi quattro anni 207.000 costruzioni abusive sono sorte nel paese (il 20% solo in Campania) per una estensione di 29 milioni di metriquadrati di cemento; il peso economico dell'abusivismo è del 25% della produzione legale. Le opere denunciate su territorio vincolato sono 18.402, gli abusi sul demanio 30.000. Le vittime del territorio violato ammontano a 3.488 morti negli ultimi 50 anni.

E abuso non é solo quello denunciato. Hanno abusato del territorio le migliaia di costruzioni senza rispetto del luogo, uguali a se stesse, per portare un vantaggio economico a pochi, colpevoli di aver indotto ed accresciuto comportamenti superficiali, mascherando, spesso cancellando ambienti naturali.

Hanno abusato dell'ambiente le grandi vie di comunicazione, le linee di trasporto dell'energia, i gasdotti, le antenne calate sul territorio per mero scopo utilitaristico senza ricercare nel contempo ciò che è bene per l'individuo, per la società e per l'intera natura in una politica dell'emergenza che ha prodotto soprattutto guasti sociali ed ambientali.

Nelle nostre coste non si riconosce un obiettivo che riconduca gli interventi ad una organizzazione programmatica delle infrastrutture, dei nuclei urbani e produttivi; i tipi edilizi degli anni del boom economico si ripetono immutabili, casuali nelle loro forme di aggregazione; solo il maggiore o minore numero di spazi per il divertimento ed il ristoro, le occasione di incontro fanno la differenza. In quegli anni gli Architetti non c'erano o erano altrove, altrimenti non ci chiederemmo oggi come contenere l'abuso edilizio, quello privato e quello di Stato.

E' tempo che una nuova professionalità permetta a tutti di riappropriarsi dell'ambiente con la consapevolezza che l'artificio e la tecnica possono rendere un servizio alla natura restituendole la dignità, conservandola e usandola. Accettando tutte le contraddizioni del fare Architettura: disciplina e libertà, memoria ed invenzione, natura e tecnologia, riusciremo forse a trovare la direzione del nostro andare.

Possiamo, a mio parere, percorrere due strade per riqualificare il territorio e combattere l'abuso: lasciare che gli elementi affrontino il loro degrado naturale come logica estetica conseguenza del primato della natura sulle cose oppure progettare, affrontare la riqualificazione ricostruendo le identità del luogo, rivelando luoghi di memoria e di sviluppo della cultura popolare, interpretando le reali esigenze della comunità in un disegno generale che reinventi la qualità.





Archibio inserzionista

Acquista spazi e servizi pubblicitari sulle pagine della rivista on line del vivere sano.
La tua azienda opera nel settore alimentazione, salute, benessere, vacanze, vivere sano, turismo ecologico, ambiente, bioarchitettura, casa ecologica o energie rinnovabili?

Diventa inserzionista di Archibio.com, un investimento pubblicitario di sicuro ritorno.



Archibio autore

Sei un esperto di uno degli argomenti relativi al vivere sano trattati su Archibio.com?
Ti occupi di alimentazione, salute, benessere, vacanze, vivere sano, turismo ecologico, ambiente, bioarchitettura, casa ecologica o energie rinnovabili?

Contatta la redazione e diventa autore, entrerai così a far parte del nostro network.





La vetrina delle aziende

FaenzaINbolla 2016

FaenzaINbolla 2016

FaenzaINbolla 2016 #nonsolobollicine

Presentazione, degustazione e commercializzazione di "bollicine", in abbinamento a prodotti gastronomici di qualità, presso Casa Spadoni a Faenza.

 

Farma Natura Parafarmacia

Farma Natura Parafarmacia

FarmaNaturaShop.it è la parafarmacia online disponibile 24 ore al giorno tutti i giorni in un semplice click. Su FarmaNaturaShop trovi oltre 2000 articoli tra i migliori prodotti per salute, bellezza, benessere, infanzia, salute degli animali, alimentazione e articoli sanitari ed elettromedicali. Parafarmacia Online Italiana autorizzata dal Ministero della Salute per la vendita di farmaci da banco.

New Dimension Divani

New Dimension Divani

New Dimension Divani

New Dimension Divani produce da oltre 30 anni con maestria artigiana divani su misura, poltrone, letti imbottiti e complementi d'arredo.

 

WebPromotion.it

WebPromotion.it

Con WebPromotion.it in prima pagina su Google! Una parola chiave in OMAGGIO per tutti i nuovi clienti con l'acquisto di una parola chiave posizionata su Google.

 

Promo Vacanze

Promo Vacanze

Su PromoVacanze.com i migliori hotel e alberghi per la vacanza ecologica in Italia.

Hai un Hotel o un Bed&Breakfast ecologico? Registra il tuo Hotel e avrai una pagina dedicata del tuo Hotel anche su Archibio.com!

 


inserzionisti

inserzionisti di Archibio
Consulta l'elenco completo e aggiornato delle Aziende inserzioniste su Archibio.com .

Diventa inserzionista di Archibio.com, acquista spazi e servizi pubblicitari sulle pagine della rivista on line del vivere sano




 
Archibio.com - La rivista online del vivere sano
un progetto Net Marketing S.r.l.
Piazza Falcone Borsellino, 6
47121 Forlì (FC) - Italia
tel. 0543.424534
fax 178.2727867
P.Iva 03873590404
E-mail info@archibio.com
 
Posizionamento su Google



credits