Archibio.com - La rivista online del vivere sano
cerca nel sito di Archibio.com

Archibio.com - La rivista online dedicata al vivere sano
 
archibio.com
Alimentazione
Salute e benessere
Vacanze e vivere sano
Turismo ecologico
Ambiente
Bioarchitettura
Casa ecologica
Energie Rinnovabili



inserzionisti

inserzionisti di Archibio
Consulta l'elenco completo e aggiornato delle Aziende inserzioniste su Archibio.com .

Diventa inserzionista di Archibio.com, acquista spazi e servizi pubblicitari sulle pagine della rivista on line del vivere sano

Newsletter

Archibio Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Archibio.com per rimanere sempre aggiornato sulle novità editoriali del sito.

Sei un utente già registrato?
Inserisci
nome utente

password

per modificare le tue preferenze
Hai dimenticato i tuoi dati di accesso?

diventa autore

diventa autore di Archibio.com

Sei un esperto di uno degli argomenti relativi al vivere sano trattati su Archibio.com?
Contatta la redazione e diventa autore, entrerai così a far parte del nostro network.


gli autori di archibio.com

L'elenco completo e aggiornato degli Autori aderenti ad Archibio.com



Archibio.com  >  Casa ecologica >  Feng shui >  Scienza del paesaggio e spirito della natura

Scienza del paesaggio e spirito della natura

Fengshui, nativi americani, ecocritica

Autore Alessandra Calanchi
Categoria Feng shui

Nel 1873 un missionario protestante della London Missionary Society, dopo aver soggiornato a lungo in Cina ed essersi avvicinato al buddismo, pubblicò "Fengshui. The Science of Sacred Landscape in Old China" (Spirito della natura e arte dell’abitare, Red Edizioni 1995).


Era il primo libro che portava all’attenzione del mondo occidentale l’antica arte cinese che studia lo spazio e l’ambiente: il suo autore, Ernest J. Eitel, scelse l’Inghilterra per pubblicarlo (Trubner & co.), ma in tempi più recenti (1984) i diritti furono poi acquistati dalla Synergetic Press di Oracle, Arizona. Il libro si concludeva con una citazione di Wordsworth, uno dei massimi poeti romantici inglesi: “To the solid ground / of Nature trusts the mind that builds for aye” (“Al solido suolo della natura pone fede la mente che costruisce per sempre”).


Ventisei anni dopo, nel 1889, un missionario e giornalista italoamericano di nome Paolo Maria Ponziglione (Torino 1817 – Chicago 1900) pubblicava su una rivista americana Il cosmo degli Osage: Indian Traditions among the Osages, in cui proponeva un confronto fra le tradizioni cinesi e “le tradizioni dei nostri aborigeni del West” (in Italoamericana, a cura di Francesco Durante, Mondadori, vol. I, 2001). E’ indubbio che i fondamenti del fengshui, che sarebbero stati recepiti con piena consapevolezza in occidente solo molto più tardi (cioè a partire dagli anni 80 con la new age), in realtà avevano molti elementi in comune con  i tales of foundation delle culture native, e tutta la teoria su cui poggiavano era piena di simboli analoghi (per esempio la Tartaruga). Inoltre il rapporto “sacro” con la terra e il rispetto verso gli animali era comune a entrambe le culture.


In quegli anni, frattanto, negli Stati Uniti si stava per concludere l’avanzata della frontiera, e la wilderness stava cedendo ormai del tutto alla “civiltà”. Forse, se Eitel fosse stato americano si sarebbe preoccupato maggiormente del conflitto cultura/natura, così come dell’evidente divario tra nature e wilderness. E avrebbe forse dovuto intuire che gli elementi, il Chi (“respiro della Natura”), gli animali magici e le costellazioni erano molto simili a quegli archetipi che proprio in quegli anni gli euroamericani stavano di fatto sistematicamente cercando di etichettare come valori pagani, tribali, totemici (e di conseguenza anticivili e anticristiani). Di fatto, nel suo libro non sembra invece nemmeno interessato a trasporre le teorie orientali sul suolo occidentale, anche se a un’attenta lettura certe implicazioni emergono in maniera più o meno esplicita, e le illustrazioni (incisioni inglesi di Thomas Allom da China Illustrated, 1843) sono improntate nella loro “orientalità” a un chiaro background romantico.


Quello stesso background romantico a cui appartiene, seppure sull’altra sponda dell’Atlantico (cioè in America e non in Inghilterra), il maggiore rappresentante del romanticismo e trascendentalismo americano, Ralph Waldo Emerson, che già nel 1836 aveva pubblicato un saggio intitolato Nature in cui dichiarava la necessità di recuperare un diverso rapporto con l’universo e, di conseguenza “a poetry and philosophy of insight” (una poesia e una filosofia dell’intuizione). Alcune delle sue frasi, decontestualizzate e prese separatamente, suonano quasi come aforismi dell’epoca new age:


"Few adult persons can see nature. Most persons do not see the sun. At least they have a very superficial seeing." (Pochi riescono a vedere la natura. La maggior parte delle persone non vede il sole. O perlomeno ne hanno una visione superficiale).


"Standing on the bare ground … I become a transparent eye-ball. I am nothing. I see all. The currents of the Universal Being circulate through me." (Fermo in piedi sul nudo terreno… divento un occhio trasparente. Io non sono nulla. Io vedo tutto. Le correnti dell’Essere Universale circolano attraverso di me).


Da parte loro, i nativi americani hanno sicuramente una tradizione molto più consolidata di quella euro-americana per quanto riguarda sia l’ambiente sia l’ecologia. La loro stessa cultura, molto vicina in verità ai principi del taoismo e del buddismo, si basa su un rapporto di rispetto per la Terra, su una visione non gerarchica degli esseri viventi, e sulla fluida circolazione delle leggi dell’universo: ricordiamo che l’antico detto Lakota Sioux  “Mytakuye Oyasin” risuona in maniera quasi letterale con la prima legge dell’ecologia enunciata in tempi molto più recenti da Barry Commoner, “Everything is connected to everything else” (Ogni cosa è connessa a ogni altra cosa).


Inoltre le alternative al consumismo, lo smaltimento dei  rifiuti, le energie rinnovabili,  l’ecostenibilità ambientale sono tematiche centrali da molti anni nelle politiche sociali e culturali dei nativi d’America. Credo pertanto che questo dovrebbe portarli a essere i grandi protagonisti sia del dibattito politico sull’ambiente e sul clima sia del recente campo di studi definiti ecocriticism (critica ecologica), ovvero lo studio dei rapporti fra la letteratura e l’ambiente. Proponendo un approccio agli studi letterari basato sulla centralità della terra, opera come un’interfaccia non solo tra ecologia e letteratura, ma anche tra culture diverse. Non si tratta solo di chiedersi, per esempio, in che modo la natura venga rappresentata nel tal sonetto, oppure quale ruolo giochi il paesaggio nel tal romanzo, ma di porsi questioni più complesse quali per esempio: descrivere e narrare l’ambiente può essere considerato un genere letterario? Il luogo può diventare una nuova categoria critica alla stregua di razza, classe o genere sessuale? Quali aperture offre la scienza all’analisi letteraria? Quali collegamenti e scambi possono esservi fra discipline come la storia, la filosofia, la psicologia, la storia dell’arte e l’etica?


Sono tutte domande che si pongono Cheryl Glotfelty e Harold Fromm nella loro ormai nota Introduzione a The Ecocriticism Reader e che anche in Italia sono in corso di valutazione e oggetto di ricco dibattito. Pioniera nel nostro paese è Serenella Iovino (Filosofie dell’ambiente, Carocci 2004; Ecologia letteraria, Edizioni Ambiente 2006), studiosa di formazione filosofica, ma si stanno moltiplicando i convegni e le iniziative anche in altri settori. Da parte mia, auspico che questa disciplina trovi (e in tempi brevi) la forza e la flessibilità di uscire dagli ormai superati confini nazionali tra le letterature e di misurarsi, oltre a grandi figure quali Emerson, Melville o Thoreau, anche con le voci che provengono sia dalle grandi tradizioni orientali che da sempre hanno incluso la natura e l’ambiente nelle loro priorità (il fengshui in Cina e Giappone, il vastu in India), sia e soprattutto dai nativi americani, che da sempre hanno invocato e vissuto con coerenza un rapporto con l’ambiente che prescindeva dallo sfruttamento e dal possesso.

 






Archibio inserzionista

Acquista spazi e servizi pubblicitari sulle pagine della rivista on line del vivere sano.
La tua azienda opera nel settore alimentazione, salute, benessere, vacanze, vivere sano, turismo ecologico, ambiente, bioarchitettura, casa ecologica o energie rinnovabili?

Diventa inserzionista di Archibio.com, un investimento pubblicitario di sicuro ritorno.



Archibio autore

Sei un esperto di uno degli argomenti relativi al vivere sano trattati su Archibio.com?
Ti occupi di alimentazione, salute, benessere, vacanze, vivere sano, turismo ecologico, ambiente, bioarchitettura, casa ecologica o energie rinnovabili?

Contatta la redazione e diventa autore, entrerai così a far parte del nostro network.





La vetrina delle aziende

FaenzaINbolla 2016

FaenzaINbolla 2016

FaenzaINbolla 2016 #nonsolobollicine

Presentazione, degustazione e commercializzazione di "bollicine", in abbinamento a prodotti gastronomici di qualità, presso Casa Spadoni a Faenza.

 

Farma Natura Parafarmacia

Farma Natura Parafarmacia

FarmaNaturaShop.it è la parafarmacia online disponibile 24 ore al giorno tutti i giorni in un semplice click. Su FarmaNaturaShop trovi oltre 2000 articoli tra i migliori prodotti per salute, bellezza, benessere, infanzia, salute degli animali, alimentazione e articoli sanitari ed elettromedicali. Parafarmacia Online Italiana autorizzata dal Ministero della Salute per la vendita di farmaci da banco.

New Dimension Divani

New Dimension Divani

New Dimension Divani

New Dimension Divani produce da oltre 30 anni con maestria artigiana divani su misura, poltrone, letti imbottiti e complementi d'arredo.

 

WebPromotion.it

WebPromotion.it

Con WebPromotion.it in prima pagina su Google! Una parola chiave in OMAGGIO per tutti i nuovi clienti con l'acquisto di una parola chiave posizionata su Google.

 

Promo Vacanze

Promo Vacanze

Su PromoVacanze.com i migliori hotel e alberghi per la vacanza ecologica in Italia.

Hai un Hotel o un Bed&Breakfast ecologico? Registra il tuo Hotel e avrai una pagina dedicata del tuo Hotel anche su Archibio.com!

 


inserzionisti

inserzionisti di Archibio
Consulta l'elenco completo e aggiornato delle Aziende inserzioniste su Archibio.com .

Diventa inserzionista di Archibio.com, acquista spazi e servizi pubblicitari sulle pagine della rivista on line del vivere sano




 
Archibio.com - La rivista online del vivere sano
un progetto Net Marketing S.r.l.
Piazza Falcone Borsellino, 6
47121 Forlì (FC) - Italia
tel. 0543.424534
fax 178.2727867
P.Iva 03873590404
E-mail info@archibio.com
 
Posizionamento su Google



credits